Musei per tutti i sensi

Si chiama Espositore for all ed è un progetto nato dalla creatività di una startup torinese, la New Planet 3D. Basandosi sulla nuova tecnologia 3D, Espositore for all consente a persone con diversi tipi di disabilità di fare esperienza dell’arte nei musei in un modo innovativo e più coinvolgente. La riproduzione in 3D di opere d’arte consente infatti di offrire ai visitatori delle copie in scala identiche agli originali che possono essere toccate e manipolate; un sistema audio unidirezionale permette a persone con disabilità visiva di ascoltare una voce guida che spiega l’opera e un video trasmette le informazioni sull’opera alle persone con disabilita uditiva e cognitiva grazie a filmati in LIS, ai sottotitoli in scrittura adattata con font ad alta leggibilità e volendo con filmati d’animazione opportunamente realizzati.

Si tratta di un’esperienza pensata per consentire alle persone con disabilità di fruire al meglio gli spazi museali e le opere, ma il campo d’azione di un progetto come questo permette anche ai bambini di vivere in un modo più coinvolgente l’ambito didattico dei musei.

Per il momento e fino al 31 dicembre, Espositore for all sarà sperimentato presso la Venaria Reale a Torino dove è stato riprodotto il Busto di Diana. Il progetto ha già ottenuto il logo per l’accessibilità universale. Espositore for all sarà prodotto a Torino e dal 2018 sarà messo in vendita in tutto il mondo con l’intento di consentire alle persone con diverse tipologie di disabilità di vivere il linguaggio dell’arte oltre ogni barriera.

Condividi questo articolo se lo trovi interessante:

Hit Counter provided by iphone 5